Cosa Mangiare in Pausa Pranzo

La pausa pranzo è un momento importante della giornata, perché nella nostra cultura i pasti fondamentali sono due, il pranzo e la cena. Anzi, a pranzo sarebbe consentito eccedere, perché si ha il resto del pomeriggio per digerire e smaltire il pasto, mentre la sera è meglio moderarsi.

In realtà, con sempre maggior frequenza accade il contrario, nella misura in cui gran parte delle persone si trova a mangiare fuori casa e non sempre può organizzarsi per il pranzo secondo le regole del buon senso o le norme degli specialisti. Molto dipende dal tipo di lavoro che si svolge, perché chi non fa attività di ufficio non sempre ha una stabile suddivisione dell’orario della pausa pranzo, bensì è, magari, soggetto a turnazioni e per di più non ha a disposizione la classica ora.

Insomma, il rischio – panino, tramezzino, pizza è costantemente in agguato, ma vale la pena di indicare quello che andrebbe fatto, il tipo di pranzo ideale per mantenere la linea e il benessere.

Pausa pranzo con l’insalata
Prime fra tutti le insalate. Eh si, all’ora di pranzo niente di meglio di una insalata, per composizione, sapore, aspetto. Non esiste un fattore avverso, nessuna controindicazione.
Una precisazione è d’obbligo. L’insalata salutare, buona per il corpo e per il palato, è quella composta da verdure e da ingredienti leggeri, come il tonno al naturale, ad esempio. Se iniziamo ad aggiungere le uova e la mozzarella, la situazione cambia perché si inizia ad appesantire, per cui optare sempre per un aut/aut e privilegiare le verdure.
Certo, ogni giorno lattuga e carotine non è il massimo e mette anche una certa tristezza: ma un giorno lattuga e carotine, un altro lattuga e uovo, un altro ancora rughetta e mozzarella, e ancora sedano e tonno, è un buon modo per variare il pasto.

Pausa pranzo con la frutta
La frutta. Si potrebbe dire che è un classico sempreverde. La frutta va sempre bene, soprattutto a pranzo, come ‘piatto’ unico o per accompagnarne un altro.
Si può abbinare all’insalata di cui sopra, attenendosi alla misura di 1 solo frutto, oppure adottarla come unico alimento per la pausa pranzo.
In questo caso, quando si sceglie di pranzare solo con la frutta, ovviamente si può spaziare con le quantità, sempre tenendo presente che comunque la frutta è leggera e salutare, ma contiene pur sempre zuccheri, per cui non va assunta proprio a cuor leggero.
Diciamo che la quantità dipende dalla stagione, in quanto una cosa è mangiare 4 mele e un’altra è mangiare un grappolo d’uva o ‘un pò’ di ciliegie, ed anche dagli spuntini extra-pasto. Se si opta per un frutto a metà giornata, all’ora di pranzo si deve tenere in considerazione.
Ok per la macedonia se abbinata ad altro, perchè da sola è pochino nel formato proposto dai bar.

Pausa pranzo con i carboidrati
Pizza e pasta. Ovviamente, non insieme.
Ebbene si, la pizza è contemplata tra le alternative per la pausa pranzo, a patto che si prediligano tipologie non complesse, non troppo lavorate. La focaccia bianca, con il prosciutto o con la bresaola va bene, come anche quella con la mozzarella. Da evitare i tipi elaborati, come la capricciosa, ad esempio.
Stesso discorso per la pasta: l’ideale è mangiarla a pranzo piuttosto che a cena, ma trovandosi fuori si è sottoposti a continui stimoli che spesso si allontanano dalla leggerezza. Si consiglia un piatto di pasta con pomodoro fresco e basilico oppure con le verdure, ma non salse e sughi particolari.
In linea generale è comunque meglio preparare i pasti a casa e poi portarli al lavoro sfruttando uno scaldavivande elettrico come questi, in modo da avare controllo sugli ingredienti.
Da abolire, invece, panini e tramezzini, nemici giurati della linea e della salute. Senza prove di appello. Sono stracolmi di calorie e donano sazietà solo sul momento. L’unico tipo di panino consentito è quello preparato in casa, senza maionese e prediligendo, ad esempio, la fesa di tacchino piuttosto che il salame.
Ma, in generale, sarebbe meglio evitare di pranzare con questi alimenti.

Cosa Mangiare in Pausa Pranzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su